conviene trasferirsi a londra

Oggi scrivo un articolo che non avrei mai voluto scrivere. Io che ho sempre amato l’Inghilterra, io che a Londra avrei voluto nascerci, io che amo lo stile British, io che il sabato sera amo uscire con i miei amici londinesi e bermi una birra al London Fields Brewery e finire in qualche locale ad ascoltare band di cui non ricorderò il nome il giorno dopo, io che ho pianto per giorni interi quando l’Inghilterra ha deciso di uscire dall’Europa.

Mi ritrovo a scrivere per quali motivi, secondo me, non conviene trasferirsi a Londra. Ovviamente potete trovare l’articolo che al contrario spiega, sempre secondo me, i motivi per cui conviene trasferirsi a Londra.

Cercherò nelle mie limitazioni di essere il più oggettivo possibile. Non linciatemi!

Non è un caso che molti londinesi ancora oggi mi dicono “Italiano? E che ci fai a Londra scusa?”. Gli inglesi considerano l’Italia un paradiso allo stesso modo in cui la maggior parte degli italiani considera Londra la città dei sogni. Lo è davvero? Vi spiego il mio punto di vista dopo ben 13 anni qui a Londra.

1Perché non conviene trasferirsi a Londra: il clima, un aspetto da non sottovalutare

Non è vero che piove sempre. Il problema è che il clima cambia continuamente e secondo me è peggio. Se sei a Londra con amici e decidi di fare il classico barbecue, è molto probabile che nel giro di un’ora o due inizi a piovere per dieci minuti e poi smetta, con quella pessima sensazione di bagnato e afa / umidità / freddo che accompagna la pioggia inglese.

Montagne e mare sono distanti, e si può stare in spiaggia due-tre settimane nei periodi “più caldi” in Inghilterra. Se volete andare al mare, l’Inghilterra non fa per voi.

Indietro